Distretto della pelle

Il consiglio direttivo

Presidente

Riccardo Boschetti

51 anni, nato ad Arzignano, sposato con due figli.

Da 30 anni nel settore della concia, nel 2001 ha avviato l’attività in proprio dando vita alla Gea, azienda di trasformazione delle pelli. La sua esperienza imprenditoriale lo porta a riconoscere da una parte l’importanza dell’intera filiera della pelle di cui ogni componente è parte fondamentale e dall’altra la necessità di fare squadra all’interno del distretto.

Consiglieri

Claudio Bortolati

Vicepresidente

(UNPAC)

64 anni, nato ad Arzignano, sposato con due figli.

Da quarant’anni nel mondo conciario, prima come agente di commercio per società italiane ed estere specializzate nella produzione di prodotti chimici per conceria, e successivamente dedicandosi all’attività produttiva tramite la creazione di varie società che nel corso degli anni si sono consolidate nella Gsc Group, di cui è attualmente socio amministratore con delega alla ricerca del wet-end. È vicepresidente di UNPAC.

UNPAC, Unione Nazionale Produttori Italiani Ausiliari Conciari, è l’Associazione Nazionale costituita nel luglio 2009 che raggruppa le imprese italiane produttrici di ausiliari chimico-conciari. Conta 37 soci ordinari e 11 soci aggregati.

Giorgio Pozza

Vicepresidente

(AICC)

52 anni, nato a Valdagno, sposato con due figlie.

Da 25 anni si occupa di chimica come docente e consulente. È responsabile della direzione scientifica del Gruppo Mastrotto Spa e professore a contratto di Chimica delle Pelli del corso di laurea in Chimica Industriale (quarto anno) del Dipartimento di Scienze Chimiche dell’Università degli studi di Padova. È inoltre responsabile della direzione scientifica del corso post-diploma dell’Istituto Tecnico Superiore della Concia di Arzignano.

AICC è l’Associazione Italiana Chimici del Cuoio nata nel 1904 per la promozione della cultura scientifica nel mondo della pelle e della formazione scolastica.

Adriano Boller

(Confartigianato)

57 anni, nato a Chiampo, sposato con due figli.
È nel settore concia da quasi 40 anni, prima come perito chimico e successivamente nell’azienda di famiglia, la Mabo Pell, che tratta principalmente croste per arredamento e calzature. Si occupa principalmente degli aspetti tecnici della produzione.

Confartigianato è la più rappresentativa organizzazione italiana dell’artigianato. Fondata nel 1946 rappresenta più di 700.000 imprenditori associati.

Paolo De Marzi

(Apindustria)

50 anni, nato ad Arzignano, sposato con tre figlie.

Nel mondo della concia da trent’anni, all’inizio occupandosi di pelli grezze e wet blue e successivamente sfruttando la sua formazione tecnica come imprenditore alla guida di Euroconciaria specializzata negli asciugaggi. Già vicepresidente del Distretto della Concia, è attualmente vicepresidente di Apindustria Ovest Vicentino e referente provinciale dell’associazione per il settore concia.

Apindustria è l’Associazione delle Piccole e Medie Industrie che fa parte di Confapi, la Confederazione delle Piccole e Medie Industrie fondata nel 1947 con circa 83.000 imprese aderenti per un totale di oltre 800.000 addetti sul territorio nazionale.

Mauro Pellizzari

(Assomac)

45 anni, nato a Valdagno, sposato con due figlie.

Da vent’anni si occupa di macchine per concerie per Gemata. Ha iniziato come progettista, diventando successivamente responsabile dell’ufficio tecnico e di altri reparti. Ha proseguito la sua carriera nelle vendite per l’estero e il marketing e attualmente ricopre il ruolo di vice direttore generale della società.

Assomac rappresenta i comparti meccano-calzaturiero e meccano-conciario italiani. Attualmente conta 133 aziende.

Luca Pretto

(Confindustria)

50 anni, nato ad Arzignano, sposato con tre figli.

Da 25 anni nel settore della concia, è alla guida della conceria Pasubio di Arzignano, azienda leader nella produzione di pelli di alta qualità per il mondo auto motive con 60 anni di storia.

Confindustria è la principale organizzazione rappresentativa delle imprese manifatturiere e di servizi italiani. Sono associate oltre 150.000 imprese per un totale di circa 5,5 milioni di addetti.